Pages Navigation Menu

Storia, itinerari, consigli ed altre informazioni per chi vuole passare le vacanze a Ischia e vuole conoscerne tutti i segreti

La pesca alle lampughe sull’isola d’Ischia

La pesca alle lampughe sull’isola d’Ischia

Conigli e lampughe. No, non stiamo suggerendo accostamenti improbabili tra carne e pesce. Solo, proprio come succede con le carni bianche del coniglio, a Ischia il consumo di lampughe è maggiore rispetto alla media nazionale.

Chiaramente il coniglio viene mangiato tutto l’anno, mentre la lampuga ha una sua stagionalità ma, a parte quest’aspetto, entrambi gli animali sono ingredienti fondamentali della dieta degli ischitani.

La loro centralità è innanzitutto storica, dal momento che tanto l’allevamento del coniglio quanto la pesca alle lampughe sono attività che sull’isola vanno avanti da secoli. Anzi, se ci focalizziamo sulle rispettive tecniche di allevamento e cattura, il discorso da locale diventa immediatamente europeo e mediterraneo.

Per dire, la tecnica di radunare i pesci attorno un oggetto in grado di proiettare l’ombra sotto la superficie dell’acqua risale all’epoca greca ed è tuttora diffusa a Malta, a Maiorca, in Tunisia e in Sicilia.

Anche le reti a circuizione con cui, dopo averle radunate, le lampughe vengono tirate su sono molto antiche. In dialetto si chiamano “crastaullare” perché utilizzate anche nella pesca settembrina ai castardelli.

E settembre e ottobre sono pure i mesi della pesca alle lampughe che, oltre a tenere impegnati i pescherecci dell’isola, coinvolge tantissimi appassionati di pesca a traina. Liberi dagli impegni lavorativi, molti ischitani amano trascorrere le giornate in barca a pesca di lampughe.

Un tempo considerati poveri, questi pesci d’altura da qualche anno stanno vivendo una nuova popolarità in cucina. Sono infatti molti i modi di cucinarli: all’acqua pazza, alla griglia, con la pasta e addirittura impanati a mo’ di cotoletta.

Insomma, venire a settembre e ottobre in vacanza a Ischia ha tantissimi vantaggi. Gastronomici innanzitutto, considerando la vendemmia, i funghi porcini, le castagne e le lampughe. Anche da un punto di vista metereologico, però, questi mesi regalano scampoli d’estate di cui vale assolutamente la pena approfittare.

Ischia Vi aspetta!

Potrebbe interessare anche

La pesca ai gamberi sull’isola d’Ischia

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *