Pages Navigation Menu

Storia, itinerari, consigli ed altre informazioni per chi vuole passare le vacanze a Ischia e vuole conoscerne tutti i segreti

Il Negombo, terme e natura

Il Negombo, terme e natura

Delle volte succede proprio come nei romanzi di avventura, quando arriva il viaggiatore solitario alla perenne ricerca di se stesso e di luoghi che ne stimolino l’insaziabile curiosità e, a un certo punto, dopo tanto peregrinare trova il posto in cui vale la pena fermarsi. Fine corsa. Non si va più via!

È stata più o meno questa la reazione del Duca Luigi Silvestro Camerini quando, nel 1946, si è trovato per la prima volta davanti alla splendida baia di San Montano, nel comune di Lacco Ameno. Veneto, grande viaggiatore e antifascista convinto – per questo mandato al confino nella vicina Ponza – il Duca Camerini si innamorò immediatamente di questa insenatura protetta da diversi ettari di lussureggiante macchia mediterranea perchè, si racconta, gli ricordava tantissimo la laguna della città di Negombo (Mīgamuva in cingalese) nello Sri Lanka.

Di qui l’idea di realizzare in questa splendida cornice un parco, sfruttando la copiosa presenza di acqua termale e arricchendo una vegetazione già rigogliosa di suo con piante provenienti da ogni angolo del pianeta. Questo l’incipit di una sfida esistenziale, prima ancora che imprenditoriale, raccolta e poi portata al termine molti anni dopo dal figlio Paolo Fulceri Camerini con l’aiuto determinante del noto paesaggista Ermanno Casasco.

A quest’ultimo il compito di dare continuità visiva al giardino, tenendo insieme il progetto originario del Duca Luigi Silvestro Camerini e la specificità ambientale della zona, soprattutto attraverso il recupero dei terrazzamenti e dei muri a secco, memoria del precedente frazionamento della proprietà, inizialmente suddivisa in diversi lotti coltivati a orto da famiglie differenti.

Oggi il Negombo è un parco termale con dodici piscine, più una al coperto nell’attrezzatissimo Centro benessere, che si snodano all’interno di un giardino curato nei minimi dettagli e impreziosito da diverse installazioni di noti artisti contemporanei.

Su tutte val la pena ricordare l’ “Arc – en – ciel” (Arco in Cielo) di Arnaldo Pomodoro, che si trova in prossimità della collina che protegge la baia. La scultura esprime il leit motiv di quest’artista, ossia l’equilibrio tra le forme geometriche esterne e il meccanismo interno dell’opera che, in questo caso, consiste nell’attivazione di un gioco di luci ed ombre grazie al quale l’installazione cambia tonalità di colore nel corso della giornata. Questo perchè l’arco è posto trasversalmente rispetto alla linea del sole, di modo che i rilievi scritti che ne disegnano la curva rifrangono i raggi solari in maniera sempre diversa assecondando il moto di rotazione della terra.

L’acqua termale sgorga già alla fonte ad una temperatura di 40°C ed è particolarmente indicata nella cura delle affezioni osteo – articolari. In particolare, i doccioni termali che si trovano lungo il percorso, chiamati Templari, e la grotta di tufo, detta dell’Onphalos, munita di un pozzo termale in cui immergersi e di tre getti d’acqua per docce cervicali, sono particolarmente indicati nella cura delle suddette patologie.

Del parco termale Negombo fa parte anche più della metà della spiaggia di San Montano. Il lido, attrezzato con lettini, sdraio ed ombrelloni è particolarmente indicato per famiglie con bambini che, come nelle più classiche delle cartoline di mare, possono giocare in tutta sicurezza grazie ai fondali bassi e alla posizione riparata della baia.

negomboIl Negombo è anche location ideale per l’organizzazione di feste nuziali, anniversari, meetings, con la possibilità di personalizzare menù e servizio a seconda delle esigenze. Questo grazie alla presenza di ben 3 ristoranti e 3 bar pensati apposta per diversificare l’offerta in funzione del tipo di clientela e, nel caso, della cerimonia che vi si svolge.

Non solo. Da dieci anni, la seconda metà di maggio, questo bellissimo parco termale ospita una mostra – mercato di piante e fiori della fascia temperata calda, Ipomea, con espositori che vengono da tutta Italia, mentre ad agosto vanno quotidianamente in scena nell’Arena all’aperto concerti e spettacoli di cabaret.

D’inverno resta in funzione il Centro Benessere. Vi si svolgono anche Corsi di formazione, autorizzati dalla Regione Campania, per la formazione e l’inserimento nel mondo del lavoro di  massaggiatori ed estetisti.

Da aprile a ottobre, il Negombo è aperto tutti i giorni dalle 09:00 alle 19:00 e il costo d’ingresso oscilla dai 26,00 ai 32,00 €.

In inverno, il prezzo varia dai 10 ai 15 € e gli orari vanno dalle 10:00 alle 17:00 e dalle 10:00 alle 14:00 la domenica. Domenica pomeriggio e lunedì  chiuso.

Per contatti rivolgersi ai numeri di tel. : +39 081 986152,  +39 081 986055.
Fax: +39 081 986342.
Solo d’inverno tel. : 081.986295.
Per contatti via email scrivere agli indirizzi:
negombo@negombo.it
amministrazione@negombo.it
ipomea@negombo.it
benessere@negombo.it
formazione@negombo.it

2 Comments

  1. Più che un commento una domanda: vorrei sapere se i bambini possono accedere oltre alla spiaggia anche alle piscine termali, ovviamente con la supervisione ed il controllo dei genitori.
    Grazie

    • Signora Anna, i bambini di norma non possono immergersi nelle piscine termali. Tuttavia, nel parco c’è una “piscina grande di mare” a temperatura ambiente (33 mt. di lunghezza per 15 mt. larghezza) che è adatta a tutti.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *