Pages Navigation Menu

Storia, itinerari, consigli ed altre informazioni per chi vuole passare le vacanze a Ischia e vuole conoscerne tutti i segreti

Ischia, l’isola del rospo smeraldino

Ischia, l’isola del rospo smeraldino

Sei, otto, dieci centimetri il maschio; quattordici la lunghezza massima per le femmine. Sono queste le dimensioni del rospo smeraldino, l’unico anfibio delle isole del Golfo di Napoli. I siti di riproduzione preferiti sono le pozze temporanee e stagionali, il che ne spiega la diffusione sull’isola d’Ischia, specie in prossimità di cave e sorgenti naturali. Storicamente, la sua presenza è segnalata nelle cave dell’Olmitello e Cavascura; nel canneto alle spalle della spiaggia di Cava dell’Isola e più in generale nelle pinete di Ischia.

LEGGI ANCHE: Le pinete dell’isola d’Ischia

Va detto, però, che nonostante la tutela comunitaria (allegato II della Convenzione di Berna e allegato IV della Direttiva Habitat), il rospo smeraldino è a rischio estinzione in tutta Europa. Ischia non fa eccezione. Una volta il suo canto dolce e prolungato echeggiava in tutta la piana di Testaccio, frazione del comune di Barano sopra la spiaggia dei Maronti. Oggi, invece, la sua presenza è segnalata soltanto nella pineta Mirtina di Ischia Porto.

LEGGI ANCHE: Testaccio, il settimo comune dell’isola d’Ischia

Fino a qualche anno fa gli avvistamenti erano frequenti anche nella Cava dell’Olmitello e a Cava dell’Isola. Tuttavia, gli smottamenti e le frane che hanno interessato queste due aree imporrebero una nuova verifica circa la presenza di quest’anfibio, inserito nella lista comunitaria delle specie che richiedono alta protezione. Per fortuna, l’elevata capacità adattativa dell’animale ci consente di continuare ad ammirarne la presenza, in particolare durante la stagione riproduttiva che si protrae dal mese di febbraio fino a primavera inoltrata.

LEGGI ANCHE: Ischia proposte per i ponti di primavera

L’auspicio, perciò, è quello di riuscire a salvaguardare la presenza di questo piccolo rospo che, insieme al Papiro delle Fumarole, ai fagioli zampognari, alle praterie di Posidonia oceanica, alle “bollicine” del Castello fa parte a pieno titolo delle rarità dell’isola d’Ischia, la più grande e bella del Golfo di Napoli. Vi aspettiamo!

Potrebbe interessare anche

Le praterie di Posidonia oceanica dell’isola d’Ischia

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *