Pages Navigation Menu

Storia, itinerari, consigli ed altre informazioni per chi vuole passare le vacanze a Ischia e vuole conoscerne tutti i segreti

Terme a Ischia: gli hotel con le più antiche fonti termali

Terme a Ischia: gli hotel con le più antiche fonti termali

Ischia è una delle località termali più antiche e famose al mondo. Sono davvero tanti gli hotel con terme convenzionate, come pure sono tante le strutture che, da qualche anno, oltre alle cure tradizionali, hanno cominciato a proporre una vasta gamma di trattamenti estetici per viso e corpo.

Poi ci sono gli hotel che attingono direttamente (o indirettamente) ad alcune delle fonti termali più antiche dell’isola d’Ischia, di quelle censite, alla fine del ‘500, dal medico calabrese Giulio Iasolino e di cui parla anche lo storico locale Giuseppe D’Ascia, autore, nel 1864, di un’imponente monografia sull’isola d’Ischia. Di seguito, una breve rassegna degli hotel a Ischia che attingono alle più antiche fonti termali dell’isola. Perchè la tradizione è sinonimo di qualità.

Prendiamo l’Hotel San Lorenzo, al confine tra i comuni di Lacco Ameno e Forio. L’albergo si trova su una piccola collina celebre per le sue stufe, salvifici vapori termali di cui la popolazione locale si serviva anticamente per lenire i dolori reumatici dovuti alla dura vita nei campi. Dei benefici delle stufe di San Lorenzo si avvalse anche Giuseppe Garibaldi che nel 1864 trascorse un mese sull’isola d’Ischia per curare la ferita al piede rimediata qualche anno prima sull’Aspromonte.

Oltre che con i vapori delle stufe di San Lorenzo, a Garibaldi fu prescritto di curarsi con le acque miracolose della Fonte del Gurgitello, a Casamicciola Terme. Per la precisione a Piazza Bagni dove si trovava, ed è tuttora ubicato, l’Hotel Terme Manzi, lussuoso Cinque Stelle dotato di un’avveneristica SPA, tra le più belle sull’isola, e non solo.

A fianco l’Hotel Manzi ci sono le Terme Belliazzi, uno dei pochi esempi rimasti a Ischia del cosidetto “termalismo puro”, di stabilimenti -cioè- specializzati nelle sole cure termali, senza nessuna parallela attività ricettiva di tipo alberghiero. La fonte è sempre quella del Gurgitello e allo stabilimento – nel frattempo profondamente rinnovato rispetto al passato -, si appoggiano diverse strutture che non hanno le terme interne. Come l’Hotel Bel Tramonto, sempre a Casamicciola, o l’Hotel Parco dei Principi e l’Hotel Villa Franca invece a Forio. Tutte e tre gli alberghi mettono a disposizione dei propri ospiti un comodo servizio navetta con lo stabilimento convenzionato sia per l’andata che per il ritorno.

Ma, proprio a Forio, c’è un’altra antica fonte termale – ‘”Acqua di Paolone”, il nome – di cui parla diffusamente lo storico D’Ascia:”Trovasi quest’acqua nel Comune di Forio, che giace nel bel mezzo del capo occidentale dell’Isola d’Ischia, e rampolla in un pozzo dell’abitazione appartenente, quando fu scoverta ad un tal Raffaele Calise Paolone da cui prese il volgare nome che oggi ancora conserva, quantunque lo stabile fosse passato in alieno dominio in pro del signor Nicola d’Ambra Ravino. Questo pozzo sta nel borgo del Cerriglio (Monterone -ndr-) ed ha una profondità di presso a 3 metri e 40 cent. fino al pelo dell’acqua largo 28 cent. nella bocca e 42 nel fondo. Oggi il novello proprietario ha formalo delle camere con vasche pei bagni; tenute con proprietà e decenza, e sta impiantando un decente stabilimento. […] L’acqua è tonica, stomatica e leggiermente detersiva. Giova nelle debolezze di stomaco, ne’ disordini digestivi, nelle clorosi, nelle affezioni di reni e dell’utero; nei morbi reumatici ed artritici; nelle paralisi; nelle ulcere annose, e nelle passioni isteriche ed ipocondriache. A bagni, a docce ed a bevande s’amministra; ma rendesi più efficace ove si accoppi 1’uso interno all’esterno.” Il pozzo e la sorgente appartengono all’Hotel Terme Castaldi, uno degli hotel storici di Forio e dell’isola d’Ischia, tra i primi a puntare forte sul turismo termale, ancora oggi, a 150 anni dalla testimonianza del D’Ascia, sua principale fonte di reddito.

In questo breve excursus abbiamo toccato solo una minima parte delle antiche fonti termali dell’isola d’Ischia.  Ci sono, per esempio, le antiche terme comunali di Ischia (oggi, tuttavia, rinate grazie all’iniziativa di un privato) cui ci si può tranquillamente appoggiare per le cure termali nel caso si scelga di soggiornare in uno degli hotel di Ischia Porto sprovvisti di reparto termale interno.

Insomma, si fa presto a dire terme. Nonostante siano molti gli hotel a Ischia con un loro reparto termale, tocca informarsi preventivamente sulla qualità e varietà delle fonti. Il fatto che molte di queste siano sfruttate da secoli dimostra la salubrità delle acque dell’isola d’Ischia, la più grande e bella del Golfo di Napoli. Vi aspettiamo!

Potrebbe interessare anche:
Terme a Ischia: sull’isola le acque dell’eterna giovinezza
Weekend a Ischia: vacanza relax alle terme

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *