Pages Navigation Menu

Storia, itinerari, consigli ed altre informazioni per chi vuole passare le vacanze a Ischia e vuole conoscerne tutti i segreti

Weekend a Ischia: vacanza relax alle terme

Weekend a Ischia: vacanza relax alle terme

Dalla scelta dell’hotel, ai parchi termali, senza dimenticare esperienze più spartane ma di grande fascino, tutte le dritte per un weekend all’insegna di terme e benessere sull’isola d’Ischia. Vi aspettiamo!

Hotel con Spa e Centro Benessere
IMG_7952
Negli ultimi anni il settore termale ha attraversato una profonda evoluzione. Agli strumenti di cura “classici”, se ne sono aggiunti altri in cui il confine fra attività terapeutiche, riabilitative e wellness non è così netto come in passato. Ovviamente, gli aspetti curativi contano ancora; conta, però, anche l’esperienza vissuta, specie se il soggiorno dura il tempo ristretto di un weekend. Ecco allora che molti hotel a Ischia si sono attrezzati per venire incontro a una clientela più giovane ed esigente costantemente alla ricerca di situazioni nuove, di cui ricordarsi a lungo.
Vai all’articolo

Parchi termali
DSC02748
La premessa, indispensabile, è che a Ischia le terme non chiudono mai. Ciò detto, è innegabile che l’apertura dei parchi termali (generalmente a Pasqua) è un motivo in più per programmare un weeekend sull’isola d’Ischia. E che parchi termali, vien da dire: Poseidon, Negombo e Oasi Castiglione, senza far torto agli altri, contribuiscono grandemente alla fama turistica dell’isola, da anni ormai la più importante località turistica della Campania e tra le più famose in Italia e all’estero.
Scopri i parchi termali dell’isola d’Ischia:
I Giardini Poseidon Terme
Il Negombo, terme e natura
Il parco Oasi Castiglione di Casamicciola

Nitrodi, Sorgeto e Cavascura
cavascura-cabine
Infine ci sono esperienze più spartane, ma che per fascino non hanno nulla da invidiare ai più celebrati parchi termali
. Indicata per la cura di malattie assai insidiose come psoriasi e alopecia, la fonte di Nitrodi ha dalla sua il fatto di essere anche potabile. A inizio millennio, il Ministero della Salute ne ha ufficialmente riconosciuto le proprietà curative dando il là alla trasformazione dell’area in uno stabilimento termale attrezzato di tutto punto: docce, fontane, terrazza-solarium, percorso aromaterapico e un piccolo bar specializzato in bevande energetiche realizzate con le piante officinali presenti all’interno del parco. Per raggiungere Sorgeto, invece, bisogna percorrere oltre 200 scalini al termine dei quali compare una baia rocciosa, disegnata da una serie di piccole vasche in pietra riscaldate da acqua termale calda che, a contatto col mare, genera un microclima ideale per la balneoterapia. In pratica, le terme a mare, e per giunta, gratis. Infine, Cavascura, uno dei due bacini idrotermali (l’altro è Olmitello) che termina sulla bella spiaggia dei Maronti. Dalle viscere della montagna sgorga una sorgente d’acqua termale che alimenta le vasche in pietra dell’omonimo parco. Anche qui docce, vasche e la sauna naturale di cui pare si servissero già i Romani nel I secolo d.C.
Per saperne di più:
La fonte di Nitrodi
La baia di Sorgeto
Cavascura

Potrebbe interessare anche:
Terme a Ischia: sull’isola l’acqua della giovinezza

 

 

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *