Pages Navigation Menu

Storia, itinerari, consigli ed altre informazioni per chi vuole passare le vacanze a Ischia e vuole conoscerne tutti i segreti

Ischia a novembre: terme, natura e cultura

Ischia a novembre: terme, natura e cultura

In una località balneare novembre generalmente è tempo di bilanci. Anche a Ischia è così. Terminato ottobre, che spesso regala gli ultimi scampoli d’estate, a novembre molti hotel chiudono dopo otto mesi di ininterrotto lavoro. Alcuni riaprono per il periodo natalizio, dal Ponte dell’Immacolata all’Epifania; altri invece direttamente la stagione successiva quasi sempre in corrispondenza della Pasqua.

Leggi anche: Ponte dell’Immacolata: Ischia vi aspetta!

Un mese particolare, dunque, e proprio per questo preferito da alcuni per concedersi una vacanza a Ischia. Una vacanza in cui la priorità per forza di cose va alle cure termali, senza però dimenticare i diversi itinerari culturali possibili (musei, chiese, centri storici) e quelli, ancor più belli, alla scoperta della grande natura dell’isola. Non a caso, in alcune località le atmosfere autunnali da sempre costituiscono una vera e propria attrazione turistica, e anche se a Ischia i colori non sono quelli dell’Italia continentale, vale comunque la pena addentrarsi nei sentieri e pei boschi isolani.

Offerte Hotel a Ischia per Novembre

Soprattutto, guai a dimenticare il cibo: castagne, funghi, zucche, lampughe e gamberetti sono solo alcune delle prelibatezze di stagione. Meglio ancora se innaffiate da un buon vino novello. A San Martino diverse case vinicole dell’isola aprono le porte delle proprie cantine per l’assaggio del vino nuovo. Un momento che ha una forte valenza simbolica, di passaggio tra la vendemmia trascorsa e quella a divenire. Soprattutto un momento di aggregazione che culmina nell’annuale festa del vino novello che si svolge nell’incantevole cornice del borgo di Terra Murata a Procida.

Leggi anche: La doppia anima di Ischia

Quanto ai funghi, le castagne, le lampughe e tutto il resto una volta a Ischia è sufficiente farsi consigliare da qualcuno del posto, in ossequio al nuovo imperativo “eat local” (trad. “mangia locale”) ormai presente su molte riviste, siti e blog di viaggio. Insomma chi può, fa senz’altro bene a scegliere novembre per la più classica fuga d’autunno sull’isola d’Ischia. Anche perché, terminato il divieto di sbarco, ci si può muovere tranquillamente con l’auto al seguito.

Ischia Vi aspetta!

 

2 Comments

  1. Vorrei avere maggiori dettagli su eventi e sagre che ci saranno tra il 20-22 novembre

    • Gentile Roberta,
      nei giorni da lei indicati non ci risultano eventi e sagre sull’isola

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *